Educazione alla legalità: progetto Art. 416-bis (quinta parte)


Prima di affrontare la storia recente di Cosa Nostra è essenziale una sosta in un luogo di capitale importanza per capire le dinamiche interne alla mafia: Corleone.

Si parte da una semplice descrizione fisica del luogo, per poi approdare all’immediato dopoguerra, alla descrizione del potentato locale instaurato da Michele Navarra.

Le due figure di Luciano Leggio e di Salvatore Riina risulteranno utilissime per capire la mentalità opportunistica della mafia e il modo spregiudicato con cui si arriva ad eliminare avversari ed amici, avendo in mente l’unico obiettivo che conta: dominare tutti gli altri.

Le famiglie Riina, Bagarella e Provenzano verranno descritte nella loro capacità di essere coese e nell’attuazione di una strategia di conquista che le proietterà dalla dimensione angusta di Corleone a quella ben più ampia di Palermo e dei rapporti tutti da costruire con la mafia italo-americana.

Questo passaggio permetterà di capire più facilmente le ragioni della prima e, soprattutto, della seconda guerra di mafia e i legami creatisi negli anni con la politica locale e nazionale, in particolar modo con Vito Ciancimino (originario proprio di Corleone) e Salvo Lima.

 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...