Assemblea Sindacale


Finalmente un’assemblea sindacale affollata e partecipata!

Oggi, 13 novembre, dovrebbe ripartire il confronto ufficiale tra Sindacati e Governo sul rinnovo contrattuale, un tema molto importante per tutti noi, e stamattina nella mia città c’è stata un’assemblea con una partecipazione di lavoratori della scuola che non si vedeva da anni.

Di sicuro eravamo tutti curiosi di conoscere le iniziative che i sindacati intendono portare avanti per difendere i nostri diritti.

Perché questo chiediamo: che riprendano il ruolo che hanno abbandonato da anni e finalmente spezzino ogni forma di collusione col potere. Abbiamo bisogno di una cosa talmente evidente, da sfiorare il lapalissiano: di un sindacato che faccia il sindacato.

In questi anni di berlusconismo e di renzismo, troppo spesso ci siamo sentiti abbandonati a noi stessi, in balìa di poteri sempre più invadenti e prepotenti. Al neoliberismo della politica berlusconiana si è sostituito un neoliberismo non troppo diverso, sia nelle impostazioni, che nelle imposizioni. Solo che proveniva da chi – almeno in teoria – avrebbe dovuto difendere i nostri diritti, non minarli. Dalla sinistra.

Se ripenso ai giorni, alle settimane, che hanno preceduto l’approvazione della 107/2015, mi torna in mente il senso di stupore, lo stato d’animo proprio di chi ha vissuto sulla propria pelle una delusione cocente ed inaspettata.

Si blaterava di “mettere al centro” la scuola e, di fatto, si umiliava una classe di lavoratori che non aveva certo bisogno di essere ulteriormente svilita.

La nostra rabbia – la reazione esasperata di tanti al referendum di dicembre – arriva tutta da quei giorni.

Se penso a Renzi, mi viene in mente questo: rabbia.

Rabbia, soprattutto per il gigantesco spreco di energie e perché in questo modo è stato svuotato e dissipato un bacino elettorale che, da sempre, costituiva lo zoccolo duro della sinistra.

L’arrivo di Gentiloni ha mitigato un po’ le cose, ma gli insegnanti ormai non si fidano più. Prima di entrare nei seggi elettorali vogliono avere rassicurazione e, soprattutto, concretezza, almeno dai politici. Dai sindacati vogliono una contrattazione degna di questo nome, se non nella parte economica, almeno in quella normativa.

Se non riusciremo in questo prima delle elezioni, non ci sarà più tempo. La destra ci farà a pezzi. Non vedono l’ora!

Questa è l’unica certezza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...